VenetoWorld

giovedì 14 febbraio 2008

A chi di STREET ne ha percorsa parecchia...




Marco Pantani - soprannominato il Pirata - (Cesena, 13 gennaio 1970 – Rimini, 14 febbraio 2004) è stato un ciclista italiano. È stato uno dei migliori scalatori di sempre, nonché un formidabile atleta per corse a tappe.

Raggiunse il vertice della carriera nel 1998, quando vinse sia il Giro d'Italia sia il Tour de France, un'accoppiata riuscita solo a pochi grandi campioni. Il soprannome che lo accompagnò nei primi anni di carriera fu L'elefantino; successivamente, la bandana che spesso indossava e il suo modo di attaccare gli avversari sulle salite gli valsero il soprannome di Il Pirata.

La sua carriera subì un brusco e drammatico stop durante il Giro del 1999, quando dopo la tappa di Madonna di Campiglio un'analisi del sangue rivelò un livello di ematocrito al di sopra del consentito, causandone l'immediata esclusione dalla gara.

Il 14 febbraio 2004, Marco Pantani fu trovato morto in un residence di Rimini. L'autopsia rivelò che la morte fu causata da un arresto cardiaco, conseguente a un'overdose di cocaina. Alla notizia della sua morte, il suo collega ciclista Mario Cipollini disse:

« Sono devastato, è una tragedia di proporzioni enormi per tutti quelli coinvolti nel ciclismo. Non ho parole. »

La morte di Pantani lasciò sgomenti tutti gli appassionati delle due ruote, per la perdita di un punto di riferimento, di un corridore unico nel suo genere, amatissimo per le emozioni che regalava; uno degli sportivi italiani più popolari dell'ultimo trentennio, protagonista nel bene e nel male di tante imprese.

Posta un commento