VenetoWorld

sabato 19 maggio 2012

Tra il serio e il faceto


Lo ricorderemo così, il 2012. L’anno dell’apocalisse, la metafora astrologica della crisi e dello sfacelo: la fine del mondo, quella profetizzata dai Maya, era diventata, sulla soglia tra il 2011 e il nuovo anno, una specie di ritornello popolare, la superstizione a cui nessuno credeva ma di cui tutti parlavano. A quattro mesi dall’ingresso del 2012 quasi non ci si scherza più. Eppure, la data malevola è scritta a chiare lettere, nell’antico calendario messicano: il 21 dicembre si concluderà l’età dell’Oro, il vecchio mondo sarà spezzato via e un’altra epoca avrà inizio, come da copione, nell’eterno trasmutare ciclico dell’esistenza. Nell’attesa che la profezia di compia, qualcuno continua a ricamarci su, tra il serio e il faceto. Così è anche per il progetto www.ventuno12.com, che porta la firma dalla giovane torinese Raffaella Cavaletto, da dieci anni attiva nel campo dell’editoria. È lei ad avere lanciato questo cassetto virtuale, in cui raccogliere sogni, desideri, speranze per un futuro che, in barba alle superstizioni e alle paure del presente, si continua a immaginare e a coltivare. L’appello è a tutti i creativi italiani, a cui si chiede di inviare immagini, video, racconti, poesie, foto di oggetti di design. In un ipotetico domani post-apocalittico, il sito sarà la testimonianza immateriale di un mondo che non c’è più, custodita nell’imperituro world wide web. Oppure, una volta scampato il pericolo, continuerà a funzionare come ironico esperimento editoriale dedicato al tema, sempre incombente, della fine e della resurrezione.

fonte: Helga Marsala per Artribune