VenetoWorld

venerdì 3 agosto 2012

Viaggio senza rotta per la città

Un mappa per perdersi tra le vie di Sassari alla ricerca di murales e di stickers. Un viaggio senza una rotta precisa per scoprire la città sotto una luce diversa. In contemporanea con la conclusione del progetto Street Art 2012 gli organizzatori di Alimet(e)azione e dell'associazione Acme hanno presentato l'ultima iniziativa per trasformare lo spazio urbano in una profonda esperienza cognitiva.

Rintracciabili negli infopoint del Comune, nelle librerie e in tantissimi locali commerciali, le mappe indicano i punti i cui sono stati affissi i 10 manifesti 6X3 vincitori del Contest di Sticker bandito a marzo, e i luoghi in cui sono stati realizzati i murales di bravissimi artisti invitati a collaborare. "In questo modo - ha spiegato l'assessore alle Culture, Dolores Lai, si vuole offrire a tanti l'opportunità di scoprire angoli poco conosciuti di Sassari, e soprattutto stimolare riflessioni sulla loro esistenza". Con il progetto StreetArt, infatti, dallo scorso giugno il pubblico è stato portato a prendere coscienza dei cosiddetti "luoghi di Confine" individuati da Aliment(e)azione in diverse zone dove il passaggio "rivela spazi residuali in cui la natura cresce spontanea, spazi abbandonati trasformati in depositi-discariche in seguito alla cessata attività dell'uomo".

In questi ultimi mesi, con il chiaro intento di approfondire il rapporto con l'ambiente e per portare l'attenzione sul piano critico-conoscitivo, sono state portate avanti iniziative all'Ex Q, in cui è stata presentata "Confini, proposte di trekking urbano" e  al Polo Didattico Quadrilatero, dove cittadini, sociologi, artisti e istituzioni si sono confrontati in una sorta di gigantesca tavola rotonda. Per comprendere meglio quello di cui si sta parlando, gli organizzatori hanno portato l'esempio di piazza Aldo Moro, nella periferia di Carbonazzi dove si è persa la partecipazione attiva alla vita pubblica. Qui gli artisti Blu, Ericailcane e Moneyless hanno dipinto i loro murales e qui si è fatto il punto su le diverse forme di attivismo legate alle realtà di quartiere.