VenetoWorld

sabato 5 marzo 2011

Mark Jenkins, la street art sorprende San Pietroburgo

E’ da più di trent’anni che l’arte di strada, nata come fenomeno socio-culturale, fa parte dell’arredo urbano in cui viviamo abitualmente, dai murales, ai graffiti, fino ad arrivare ai cartelloni pubblicitari e alle insegne luminose, spesso vere e proprie opere d’arte pop. L’americano Mark Jenkins, è un’artista di strada con la A maiuscola.

Jenkins, classe 1970, è noto in tutto il mondo per le sue bizzarre installazioni di street art: le sculture umane realizzate con il nastro adesivo rappresentano la sua vera passione. Singolare poi l’idea di riprendere con una videocamera le reazioni della gente davanti ai suoi lavori. Le sue creazioni a base scotch, dai manichini senza volto ai neonati abbandonati per le strade, non conoscono confini. Anche se la sua preferenza sono le strade non si può dire che si opponga a “sfruttare” altre situazioni, dalle spiagge alle gallerie d’arte ogni spunto è buono.

Tra le altre cose l'ecclettico Mark cura personalmente il sito tapesculpture.org dove, passo dopo passo, svela i segreti della sua arte, fornisce indicazioni tecniche su come fare a costruire la propria scultura homemade, propone workshop e stimola la fantasia di ognuno. Provare per credere.

Posta un commento