VenetoWorld

domenica 17 marzo 2013

OPIEMME @ Studio D'Ars Milano



STUDIO D'ARS - MILANO dal 19 Marzo al 14 Aprile
via sant’agnese 12/8 (Cadorna)

Presso i locali di Studio D'Ars, il 19 marzo, "Street D'Ars" inaugura la prima personale con Opiemme, artista che colloca la sua ricerca nel territorio di confine tra poesia e immagine, tra galleria e strada. Definito "poeta della street art", il suo intento è quello di presentare la poesia in modi nuovi, per avvicinarla alle persone e svecchiarne la comunicazione, portandola in strada a incontrare le persone. L'opera di Opiemme è veicolo di messaggi dalla forte urgenza etica e politica, spesso polemicamente "caustici" nei confronti della realtà contemporanea (Claudio Cravero, Artribune, 20.03.2011) e trasmessi attraverso un linguaggio personalissimo fatto di "immagini da leggere e parole da guardare".


Presenza molto attiva nel panorama artistico nazionale, Opiemme ha preso parte recentemente a numerose fiere con la galleria Zak (Monteriggioni) di Gaia Pasi; ha esposto nuovi lavori nel 2013 alle fiera Setup di Bologna e a Step09 di Milano per lo stand della galleria BI-BOx (Biella) di Irene Finiguerra e ad ArteGenova con Studio D'Ars. 
Nel 2012 ha ideato interventi site-specific per la Fondazione Pistoletto di Biella e per il Caos Museum di Terni in occasione di UmbriaLibri; ha realizzato pitture murali al MAU (Museo Arti Urbane) e al SAM (Street Art Museum) di Torino, così come al Sobe Festival in Croazia.
Nell'ultima edizione della fiera torinese "The Others" ha composto una scritta "Peace" con l’alfabeto della guerra all'interno di una cella dell'ex Carcere Le Nuove.

Articoli recenti:
http://www.ziguline.com/opiemme-il-poeta-della-street-art/


La mostra sarà accompagnata da un testo critico a cura di Alice Zannoni.
Alice Zannoni (1981), vive e lavora a Bologna dove si occupa di arti visive come critica d'arte e curatrice indipendente. E' docente di Storia del Design all'Accademia di Rimini. Ha ideato e organizzato SetUp Art Fair. Più che critica ama definirsi "osservatrice contemporanea".