VenetoWorld

sabato 18 giugno 2011

La poesia per la Costituzione

Domani al Valentino gli articoli della nostra Carta diventeranno opere, con citazioni di personaggi famosi, grazie all’artista Opiemme

Il 7 giugno il Comune di Torino ha lanciato l’iniziativa "Letture Ri-Costituenti", una serie di interventi volti alla diffusione e scoperta della Costituzione italiana fra i giovani. Dopo la lettura degli articoli costituzionali alle fermate degli autobus, il progetto continua domani sabato 18 giugno, data simbolica perché in quel giorno nel 1946 nacque la Repubblica Italiana: al Parco del Valentino (nel viale interno compreso fra corso Vittorio e l'Imbarchino), per tutto il giorno, l’artista Opiemme trasformerà alcuni articoli della Costituzione, con un intervento pubblico di arte di strada, in “Rotolini di Poesia”.

AFORISMI PER LA COSTITUZIONE
Si tratta di piccoli foglietti di carta riciclata arrotolati e chiusi da fili di lana e cotone (nella foto) che saranno appesi per strada, all’interno dei quali ci saranno alcuni articoli scelti e commentati attraverso frasi di poeti, scienziati e artisti del presente e del passato. Ad esempio ogni rotolino con citazioni di Miles Davis recherà la scritta "La conoscenza è libertà, l’ignoranza è schiavitù".
Si creeranno così riflessioni ironiche, talvolta stridenti e in apparenza contrastanti, tutte introdotte graficamente da una bandiera italiana sulla quale verranno riportati divieti provocatori: Ignorare, Scordare, Subire, Non conoscere, Accettare, Dimenticare.

L’ARTISTA
Questo è quanto il Comune di Torino ha affidato ad Opiemme, che dall’inizio di quest’anno è stato protagonista più volte del panorama artistico culturale cittadino, partecipando alla mostra Km011, alla Fiera del Libro e a Biennale Democrazia, qui con una performance (Barbarism Kills - La Maleducazione Uccide) definita un’azione di arte urbana. Il lavoro di Opiemme continua ad essere apprezzato e scelto per una caratteristica: quella di sapersi mettere a confronto con il presente non con una sterile critica, ma attraverso piccole provocazioni che spingono ognuno di noi a riflettere.
La sua idea dei Rotolini di Poesia è già riuscita in passato con straordinario successo, ad esempio durante la Notte Bianca del 2007, attirando sempre la curiosità del pubblico, portando la poesia incontro alle persone, per un regalo da leggere e conservare.

Andrete al Valentino domani pomeriggio?

fonte: LA STAMPA
Posta un commento