VenetoWorld

giovedì 14 luglio 2011

Di Bartolomeo, BLU non si tocca!


Da un po' di tempo a questa parte il mio sogno è quello di conoscere Blu, stringergli la mano e ringraziarlo per aprire gli occhi alla gente con la sua arte, la quale spesso non viene riconosciuta dalle teste di fagiolo comunemente chiamati "politici" che ogni giorno ci governano. Blu, se stai leggendo queste righe sappi che tutti noi ti siamo grati per quello che stai facendo.

Immaginatevi la scena: Campobasso, 50.000 abitanti arroccati in una bellissima cittadina medievale, un sindaco testa di fagiolo come Di Bartolomeo, Blu e un'idea tanto geniale quanto provocatoria. Di Bartolomeo pensa di fare la figura dell'esperto dalla mente aperta commissionando un artista di livello internazionale per un'opera immensa nella sua città ma Blu, il quale si è fatto censurare al MOCA di Los Angeles a dicembre, gli regala una sequenza in cui una persona viene privata del cervello e vestita da militare. E qui accade il fattaccio: il sindaco vuole censurare Blu per non essere da meno, vuole fare il californiano e promette vendetta!

Ovviamente gli abitanti si incazzano, vogliono Blu al suo posto, vogliono quel murales, vogliono pensare con la loro testa e aprono una petizione su Facebook! Come dar loro torto?
Posta un commento