VenetoWorld

martedì 30 aprile 2013

La street art di Roadsworth trasforma Montréal in un tappeto di giochi interattivo

Se Wordsworth è un poeta di parole, Roadsworth è un poeta di strada. Questo è il mantra del street artist Peter Gibson, aka Roadsworth, il fantasioso maestro canadese di stencil che trasforma le strade di Montréal in opere d'arte.


Street art che più che invadere la metropoli la trasforma e la plasma a piacere. Gibson ha iniziato ad usare la città come una macro tela già nel 2001, quando il forte desiderio di più piste ciclabili a disposizione dei cittadini, e la frustrazione di non potere circolare per tanti quartieri in un mezzo eco-friendly come la sua fedele due ruote, hanno ispirato l’artista a dipingere i suoi creativi e personali simboli ciclabili per Montrèal.

Non ho piste a disposizione che è un mio diritto sacrosanto, e la metropoli è occupata da auto parcheggiate in ogni angolo della città incluso sui marciapiedi? Beh, allora me le creo solo. Questo è il mood con cui Roadsworth ha iniziato un’azione di guerrilla art per protesta, che poi si è evoluta negli anni in una serie di lavori, che sono anche gioco, un’avventura, soprattutto per gli abitanti della città più importante della provincia francese del Québec.



Questo street artist non è contro l’uso assoluto dell’automobile, ma vuole -come tanti di noi- che nelle metropoli soprattutto, si stabilisca una sorta di equilibrio, che si utilizzi l’auto con criterio, e si rispettino spazi comuni come il marciapiede e la pista ciclabile.

La serie di opere di street art firmate Roadsworth mostra come le strade della città sono molto più di una semplice distanza -più breve meglio- tra due punti e come si possono invece scoprire, vivere e valorizzare. Ecco allora che le superfici urbane si plasmano sotto la mano e lo stencil di Roadsworth come fossero un mega tappeto di giochi interattivo per bambini. Ami da pesca gigante, nidi di uccelli e denti di leone, Gibson trasforma gli spazi della città in parchi giochi pedonali.

Quello che era iniziato come un progetto carico di attivismo alla fine è diventato un lavoro artistico che continua ancora oggi. L’artista non finisce di stupire e togliere dalla noia del traffico i cittadini di Montrèal modificando con fantasia marciapiedi, parcheggi, strade e qualsiasi altra superficie. Ma se volete scoprire di più sul pensiero di questo famoso e unconventional street artist, Roadsworth è il suo blog personale e lì condivide con il web idee e pensieri.


fonte: ArtsBlog