VenetoWorld

lunedì 1 settembre 2014

AHEAD PROJECT: L’ESPERIENZA DEL GRAFFITISMO NEL QUARTIERE DI MORTISE - di Giada Pellicari




Ahead Project: L'esperienza del graffitismo nel quartiere di Mortise è un testo che ho scritto ad agosto per accompagnare il sito ufficiale di questo progetto, realizzato dalla crew degli EAD. In realtà Ahead è divenuto lo spunto per una mia riflessione molto più ampia sui lavori di muralismo, sul rapporto Writing / istituzioni e molto altro.
Qui di seguito riporto l'incipit, mentre per leggere il saggio completo andate direttamente al sito.





La città ideale è quella su cui aleggia un pulviscolo di scrittura che non sedimenta né calcifica

Italo Calvino, La città scritta: epigrafi e graffiti.


Sempre più spesso anche in Italia vengono organizzati eventi, festival, manifestazioni e progetti curatoriali dove vengono invitati in maniera legale dei writer a creare delle opere accostabili a quelle forme visive inclini al muralismo urbano, in cui la città viene utilizzata come percorso espositivo di lavori e come tappeto da decorare.
Quello che spesso si tende a dimenticare quando vengono realizzati questi progetti e che la gente comune di solito non conosce, è che il writer ha da sempre fatto tutto questo in totale libertà, senza l’aiuto di curatori, critici, amministrazioni e anche, perché no, sponsor. O meglio, lo ha effettivamente vissuto: sui treni, sui muri, nei cavalcavia, nelle hall of fame, alle jam, sui pannelli della metropolitana.  
Accade anche alcune volte che chi organizza quelle forme di graffitismo legale, dove intervengono amministrazioni, curatori e critici (in rari casi preparati), pubblicitari e comunità locali, spesso lo fa non accennando al fatto che tutto quello che viene rappresentato in forma ingigantita, in realtà nasca dal trascorso di anni di Writing illegale. Anni in cui il contatto, la velocità, lo stile e la gestualità si sono posti come i caratteri dominanti del vissuto del writer, il quale ha da sempre esperienziato la città in un percorso continuo di scelta di elementi urbani su cui intervenire.
Non ci sono graffiti buoni e graffiti cattivi. Ci sono i graffiti, punto. [...]

Per continuare a leggere vai qui

Giada Pellicari



Joys, Ph: Yama

Orion, Ph Yama

Ph: Yama


Joys e Made, Ph: Erik Fasolo





Foto copertina: Yama e Orion, Ph: Erik Fasolo


Posta un commento