VenetoWorld

giovedì 23 ottobre 2014

#URBANITE: socialità semplice e sottopassi riqualificati

Caricamento in corso

Eh niente, ieri ero particolarmente polemico contro chi ritiene che nel naturale movimento di persone e idee vi si nasconda il male e che la loro tanto sbandierata patria natìa possa essere invasa dal vil nemico neanche fossimo la Terra Promessa. Migrare è la regola, non l'eccezione: si migra per inseguire un sogno, un amore, un ideale. Si migra per stare con le persone amate o per portare le persone amate lontano da situazioni pericolose per la loro incolumità. Migrare è naturale: lo fanno gli uccelli e gli animali, trasporta idee e innovazioni lontano e le riporta a casa, lo fecero tanti nomi storici che hanno contribuito alla crescita del mondo. Migrare è necessario, non è un crimine. Ho pensato di sfruttare una piccola area del ghetto rimasta tanto tempo inutilizzata per divulgare questo messaggio, aiutato dalla confortante figura di Paddington Bear: "MIGRATION IS NOT A CRIME", supportato dal mio personale aforisma "SIAMO TUTTI FIGLI DELLO STESSO CIELO". La realizzazione non entrerà di sicuro nei libri di storia dell'arte ma mi auguro che il messaggio martelli nelle menti della gente che passerà da quelle parti come un mantra.

Caricamento in corso


Sabato invece è stata una vera figata: ragazze e ragazzi hanno invaso il ghetto armati di bombole, pennelli, rulli, macchine fotografiche e quant'altro e hanno passato un'intera giornata di socialità semplice, chiacchierando e dipingendo. Persino i vecchietti che passavano per andare in piazza rimanevano stupiti della semplicità e della solarità con cui siamo soliti trascorrere i week end: il loro celebre motto "i giovani d'oggi non hanno voglia di fare niente" viene smantellato e rottamato da evidenti dimostrazioni di buona volontà come quella data sabato! Qualcuno ancora passa da quelle parti bofonchiando e lamentandosi ma, com'è noto ai più, la terza età porta con sé una notevole dose di invidia a volte.

C'è ancora moltissimo lavoro da fare in quel sottopasso ma ci auguriamo che col supporto di tutti quell'area possa presto diventare il fiore all'occhiello della comunità e una porta d'ingresso alla città di cui andare fieri.

Caricamento in corso
Caricamento in corso
Caricamento in corso


Posta un commento