VenetoWorld

mercoledì 30 settembre 2009

Biokip - Non è giuto ma è morale


Ciao ragazzi, vi invio comunicato stampa, flyer e foto della nostra prossima esposizione, sarà un "one day art-show" sul tema di normale e presunto tale, una specie di spaccato di società contemporanea, col concetto di normalità (anche giustizia, se vogliamo)ed i suoi modi d'uso, imposizione ed accettazione.
Le opere saranno di Ufo5, grafico e street artist di Novara che si è fatto conoscere già in tutta italia e non solo, mentre gli effetti sonori di Digital genetic Pasta, dj e produttore romano che ora vive a milano e spacca davvero.
Vi ringrazio per attenzione e disponibilità e vi auguro una buona giornata, a presto

Marco
biokip press


VI HO COPIATO PARI PARI LA MAIL, NON DITEMI CHE VI TENIAMO NASCOSTE LE COSE!!!

INFORMAZIONI EVENTO:

La Biokip Gallery torna a mettersi in mostra, ma solo per il giorno 22 di Ottobre, con un’esposizione sul tema della normalità, o di quella che crediamo tale. Una normalità spesso imposta “dall’alto” e accettata ciecamente senza averla prima giudicata, pesata e analizzata. Una normalità che da un giorno all’altro stravolge abitudini, mortifica stili di vita, condanna comportamenti e mette al bando idee e progetti etichettandoli come sbagliati, pericolosi, fastidiosi e scomodi. Parallelamente, la situazione di (apparente) normalità, che ci scivola e rimbalza addosso, è la seguente:
- Miliardari che risultano nullatenenti per il fisco: non è giusto, ma è normale.

- Politici, parlamentari e senatori dai dubbi costumi e dalle sinistre amicizie che predicano lealtà, cristianità e libertà (mentre agiscono nell’ombra per il proprio tornaconto): non è giusto, ma è normale.

- Opere e strutture pubbliche lasciate incomplete, crack finanziari impuniti, sprechi economici e povertà in crescita: non è giusto, ma è normale.

- Proibizionismo sfrenato contro le droghe leggere, conseguente aumento del consumo di quelle pesanti ed esponenziale abbassamento dell’età dei consumatori: non è giusto, ma è normale.

- Scoraggiamento della socializzazione, distruzione dei luoghi d’aggregamento e ricreazione, esaltazione dell’apparire e dell’avere invece che dell’essere: non è giusto, ma è normale.

- Incoraggiamento e complicità dei media verso vari tipi di gioco d’azzardo mentre la crisi economica miete vittime su vittime: non è giusto, ma è normale.
E’ proprio su questa normalità irreale che la Biokip Gallery vuole far riflettere, e intende farlo attraverso il talento visionario, le opere e le installazioni di Ufo5. Un giovane grafico e street-artist che ha già creato il proprio personalissimo stile, contraddistinto dalla nuda semplicità dei segni, dalle atmosfere oniriche e dalla predisposizione per le colorazioni tono su tono e l’utilizzo di simboli magici e simbolismi metaforici.

Le tele di Ufo5 ed i suoi papercut (lavori realizzati tagliando fogli di carta e ricombinandoli poi su vari livelli) avranno quindi il compito di mostrare e dimostrare quanto la normalità sia multisfaccettata, labirintica ed astratta. Una normalità aggiustabile, su misura.

Due mesi di preparazione e cinque giorni di allestimento per un’esposizione di sole dieci ore: alla Biokip Gallery il concetto di normalità sembra non piacere per niente.
sTRU
Posta un commento