VenetoWorld

lunedì 9 maggio 2011

GIUSEPPE IMPASTATO - un martire moderno

Giuseppe Impastato nacque a Cinisi, in provincia di Palermo, il 5 gennaio 1948, da una famiglia mafiosa (il padre Luigi era stato inviato al confino durante il periodo fascista, lo zio e altri parenti erano mafiosi e il cognato del padre era il capomafia Cesare Manzella, ucciso nel 1963 in un agguato nella sua Giulietta imbottita di tritolo).
Ancora ragazzo rompe con il padre, che lo caccia di casa, ed avvia un'attività politico-culturale antimafiosa. Nel 1965 fonda il giornalino L'idea socialista e aderisce al PSIUP. Dal 1968 in poi, partecipa, con ruolo dirigente, alle attività dei gruppi di Nuova Sinistra. Conduce le lotte dei contadini espropriati per la costruzione della terza pista dell'aeroporto di Palermo, in territorio di Cinisi, degli edili e dei disoccupati.
Nel 1975 costituisce il gruppo Musica e cultura, che svolge attività culturali (cineforum, musica, teatro, dibattiti, ecc.); nel 1976 fonda Radio Aut, radio libera autofinanziata, con cui denuncia i delitti e gli affari dei mafiosi di Cinisi e Terrasini, in primo luogo del capomafia Gaetano Badalamenti, che avevano un ruolo di primo piano nei traffici internazionali di droga, attraverso il controllo dell'aeroporto. Il programma più seguito era Onda pazza, trasmissione satirica con cui sbeffeggiavano mafiosi e politici.
Nel 1978 si candida nella lista di Democrazia Proletaria alle elezioni comunali. Viene assassinato nella notte tra l'8 e il 9 maggio del 1978, nel corso della campagna elettorale, con una carica di tritolo posta sotto il corpo adagiato sui binari della ferrovia. Pochi giorni dopo, gli elettori di Cinisi votano il suo nome, riuscendo ad eleggerlo, simbolicamente, al Consiglio comunale.
Stampa, forze dell'ordine e magistratura parlano di atto terroristico in cui l'attentatore sarebbe rimasto vittima e di suicidio, dopo la scoperta di una lettera scritta in realtà molti mesi prima. L'uccisione o, come si fece credere, l'incidente non destò il clamore dovuto, forse anche per il fatto che lo stesso giorno veniva ritrovato, in via Caetani a Roma, il corpo del presidente della DC Aldo Moro.

I miei occhi giacciono in fondo al mare nel cuore delle alghe e dei coralli.
Seduto se ne stava
e silenzioso stretto a tenaglia tra il cielo e la terra e gli occhi fissi nell'abisso.

Giuseppe "Peppino" Impastato

Oggi, in occasione del trentatreesimo anniversario del suo brutale assassinio, gli autori del nostro blog, assieme a tanti altri blogger sparsi su tutto il territorio nazionale, vogliono ricordare un eroe che ha sacrificato la sua stessa vita per la lotta contro "la montagna di merda" (come lui stesso definiva la mafia).

Indipendentemente dal credo politico, Peppino è per tutti noi un esempio di libertà, un martire moderno la cui memoria non dev'essere infangata da interessi economici o da speculazioni politiche. C'è un Giuseppe Impastato dentro ognuno di noi che aspetta di uscire e urlare NO ALLA MAFIA!
Posta un commento