VenetoWorld

giovedì 15 marzo 2012

Visi intrisi @ Amantes - Torino


Il Circolo Culturale Amantes ospita tre puntate del progetto Malamente curato da Francesco Sena. Tre dei protagonisti della mostra collettiva tenutasi nel 2010 a Palazzo Bertalazone, si alternano in intime mostre personali. Un progetto che continua la sua indagine sull’Outsider Art, sull’Arte irregolare, intesa come strumento di espressione, d’indagine, di esplorazione e di verifica. Così, la visionarietà onirica nei disegni di Giuliano Addari, l’esistenza ri-velata dei volti nell’astrattismo colorato di Mario Ferrari, la ripetizione dei segni decorativi nelle opere di Emile Levi, diventano un movente per riflettere sul significato dell’arte come struttura di costruzione e decostruzione psichica, sociale e culturale. 

“Malamente” è, in realtà, una premessa, un prologo che anticipa il secondo atto che sarà presentata a Torino nel mese di maggio 2012, un progetto in cui artisti professionisti e alcuni ospiti della comunità terapeutica Il Porto si confronteranno con i linguaggi dell’arte e del pensiero.

Il ciclo di mostre “Malamente” è a cura di Francesco Sena, con testi di Marta Becco, il contributo Regione Piemonte, in collaborazione con la Comunità Il Porto. 

Venerdì 16 marzo 2012 ore 19.00 (al 28.3)
Mario Ferrari: Visi intrisi

Nei lavori di Mario Ferrari i volti, l’essenza di una presenza fisica, di esistenze rivelate, galleggiano su di un magma intrecciato di segni cromatici astratti che definiscono lo spazio dell’opera. Una trasfigurazione della realtà riconoscibile dei lineamenti umani soltanto accennati, evocati, in un turbine di colori su cui si stagliano queste ineffabili presenze che raccontano del sé e dell’altro da sé, dell’oblio dell’esistenza, di un inconscio cosciente delle presenze che ci circondano. La materia cromatica intensa, violenta, decisa, prepotentemente invade la tela per costruire un’architettura informale in grado di ingannare lo sguardo dello spettatore verso orizzonti visivi sempre differenti, verso la scoperta di questi possibili volti impossibili.