VenetoWorld

mercoledì 11 aprile 2012

I graffiti di Andrea Antoni arrivano in Svezia



Attivo da oramai 15 anni nel campo della Street Art e dei Graffiti Writing, dopo aver dipinto in tutta Italia e in alcuni stati esteri, il monfalconese Andrea Antoni, in arte Style1, arriva in Svezia.
Infatti Jerney Bartolomeo Kovac, ha voluto espressamente l’artista monfalconese per rendere ancora più caratteristico Enoteket, il suo nuovo ristorante italiano aperto da poco nella città di NorrkÖping, in uno splendido quartiere caratterizzato da una vasta opera di recupero di architettura industriale.
Due le opere principali realizzate da Style1 all’interno del locale (più alcuni richiami a queste in altre zone del locale), a rappresentare i suoi discorsi stilistici principali: uno dei suoi classici graffiti tridimensionali composti da dei nastri che fluttuano nello spazio, nella zona bar; e una parete griffata Be Happy Project nella sala dedicata prevalentemente alla mensa del vicino campus universitario. 
Be Happy Project è un progetto portato avanti da anni, tramite adesivi e graffiti, raffigurante prevalentemente un fiorellino sorridente. Un brand che da alcuni anni è stato pure registrato e che trova colori simbolo nel giallo e nero “perché mia nonna mi raccontava sempre che sotto l’Austria era tutto bello, tutti erano felici e insomma sembra un poco il mondo delle fiabe” aggiunge scherzando Andrea “di conseguenza ho scelto quei colori, oltre al fatto che sono fortemente impattanti”. Ci tiene però a precisare “Non vuole essere assolutamente un discorso di scissionismo o comunque di politica, bensì gioca su questa visione quasi mistica che spesso viene data dagli anziani di queste zone, circa i tempi in cui c’era l’Austria”.
“Il mio lavoro principale resta la grafica, ma a volte si riescono ad avere anche possibilità di questo genere, soprattutto grazie a internet” e prosegue “Almeno nel mio caso non è pensabile vivere facendo graffiti, non è nemmeno quello che voglio sinceramente, però già il fatto che grazie a questi sto riuscendo ad andare in giro per l’Italia ed in parte per il mondo, credo sia una cosa grande e mi fa veramente molto piacere”.