VenetoWorld

martedì 3 dicembre 2013

ORIENT EXPRESS: Skypervista alle due curatrici


Street Art Attack ha avuto il piacere di intervistare le due curatrici del progetto Orient Express: Il Viaggio nello sviluppo della pratica artistica, di cui è media partner ufficiale.
Nella video intervista che troverete qui sotto ci hanno parlato del progetto, delle idee che ci stanno alla base e chi saranno gli ospiti.
Vi ricordiamo che il primo appuntamento sarà 

Giovedì 5 Dicembre 2013
Il Web come produzione di contenuti: Il Viaggio in rete
Incontro con Silvio Lorusso e Claudia Rossini
Ore 18.30 

Silvio Lorusso (1985) è un artista e designer i cui ambiti di interesse includono le nuove tecnologie, l’editoria e le culture digitali. Collabora regolarmente con l’Institute of Network Cultures di Amsterdam. E' attualmente dottorando in Scienze del design presso l’Università Iuav di Venezia, dove svolge una ricerca incentrata sul rapporto tra editoria e tecnologia digitale dalla prospettiva dell’arte e del design. Ha preso parte a mostre ed eventi in Italia e all’estero.

Claudia Rossini aka Yamada Hanako: nata a Ponte dell’Olio nel 1986, vive a Venezia, dove ha studiato Arti Visive dal 2005 al 2011,
laureandosi allo IUAV e all’Accademia di Belle Arti. La sua ricerca artistica si è focalizzata negli ultimi anni su due principali soggetti:la rappresentazione fotografica del territorio veneziano e l’immagine della sessualità femminile.
Dal 2008 ad oggi ha esposto in numerosi festival e istituzioni, tra cui: Santorini Biennal of Arts; House of Electronical Arts, Basel; Fondazione Querini Stampalia, Venezia; Biennal of Young Artist from Europe and the Mediterranean, essaloniky; MSGU Tophane-i Amire Culture Center, Istanbul; Embassy of Italy in Washington, USA; GC.AC Galleria Comunale di Monfalcone; CRAF Centro di Ricerca e Archiviazione della Fotogra!a, Lestans; Fondazione March, Padova; Venice Film Meeting, Venezia.
E’ vincitrice di una residenza d’artista presso la Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia per l’anno 2013.



Il progetto Orient Express: Il Viaggio nello Sviluppo della pratica artistica vuole proporre dei momenti di discussione sul tema del viaggio che viene analizzato come un elemento fondamentale nello sviluppo della pratica artistica contemporanea.
Scritto da Giada Pellicari e co-curato con Elisa Fantin, entrambe del collettivo CAKE AWAY, in residenza per il 2013 presso gli Atelier Bevilacqua La Masa, nasce dall’idea di voler aprire nuove linee teoriche e apportare visibilità ad un argomento che risulta essere ben presente nel sistema dell’arte contemporanea, ma che ancora tutt’oggi viene poco affrontato dalla ricerca accademica e dalla curatela artistica.
La tematica del viaggio viene analizzata attraverso una serie di incontri nel complesso dei SS Cosma e Damiano in Giudecca, dove vengono invitati artisti ed esponenti del mondo dell’arte a presentare le loro esperienze all’interno di una discussione organizzata in forma di tavola rotonda.
Gli ospiti saranno: Silvio Lorusso e Claudia Rossini; Mario Ciaramitaro e Ryts Monet; Marco Tagliafierro e Angela Vettese; Driant Zeneli; Elena Mazzi.
Nell’epoca contemporanea, dove i mezzi tecnici hanno permesso un più agevole flusso di informazioni e conoscenza, il viaggio ha raggiunto delle connotazioni diverse, ovvero il più delle volte è nato con la finalità della produzione di un lavoro specifico molto spesso pensato in un determinato luogo.
Sono stati così individuati alcuni sottoinsiemi e canali di orientamento all’interno del tema, che vengono considerati come dei filoni ormai storicizzati e ampiamente presenti nella produzione artistica contemporanea quali, ad esempio: le piattaforme web e i digital media come viaggio online e produzione di contenuti, il workshop in oriente come sviluppo della pratica artistica, le geografie dell’arte, la new genre public art e il viaggio come racconto.
Il progetto ha come obiettivo principale quello di stimolare momenti di riflessione e di impostare alcuni quesiti da sviluppare con gli ospiti:
• Che influenza ha il viaggio nella produzione artistica e nel processo critico?
• Come si vengono a definire tutti questi piccoli luoghi dell’arte, che vanno ad ascriversi come ambienti tali grazie alla presenza dell’artista in quel preciso momento e in quello stesso territorio?
• In che modo un luogo e la relativa comunità possono influenzare un artista e il suo lavoro?

La Fondazione Bevilacqua La Masa diviene così allo stesso tempo un punto di incontro e di ricerca per lo sviluppo di questo argomento.

Partnership: Fondazione Bevilacqua La Masa, CAKE AWAY, Università IUAV di Venezia
Media Partnership: www.lidentitaaumentata.tumblr.com, www.streetartattack.tk
Progetto Grafico di Alberto Casagrande



Posta un commento