VenetoWorld

giovedì 30 gennaio 2014

Orient Express / Incontro con Marco Tagliafierro e Angela Vettese / 31 gennaio BLM



Si terrà questo Venerdì 31 gennaio alle 18.30 il quinto ed ultimo appuntamento della serie di talk Orient Express: Il Viaggio nello sviluppo della pratica artistica presso la Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia, all'interno del complesso dei SS Cosma e Damiano.
Per l'occasione sono stati invitati Marco Tagliafierro e Angela Vettese che dialogheranno con le curatrici Giada Pellicari ed Elisa Fantin sul tema: Updating Geography: I mutamenti della geografia relazionata all'arte.

Marco Tagliafierro (Novara 1973) è critico d’arte e curatore indipendente, la cui pratica si focalizza sul rapporto tra arte contemporanea e impresa, per questo ha collaborato con diverse aziende tra cui: Audi, Agnona, Cartier. L’attenzione per le ricerche intraprese dai giovani artisti, inoltre, ha sempre assunto una totale centralità all’interno del suo processo curatoriale. Ha collaborato con l’Assessorato alla Politiche Giovanili di Novara per numerosi progetti concernenti giovani artisti ospitati in luoghi dismessi della città, curando, tra l'altro, quattro edizioni di Gemine Muse. L’impegno costante espresso nel monitorare le ricerche dei giovani artisti lo ha naturalmente portato a curare progetti di mostra all’interno di centri sociali, non-profit organization, artist-run space: Leoncavallo, Lucie Fontaine, Brown, Le Dictateur, Morris, il circuito Farne Spazio e molti altri. Ha collaborato anche con istituzioni pubbliche e private come: il Cact di Bellinzona, la GAMeC di Bergamo, Docva/ViaFarini di cui attualmente fa parte del bord curatoriale ed il Museo Carlo Zauli di Faenza per il quale cura alcune mostre.Per quel che concerne le galleria private ha collaborato con: Massimo De Carlo, Lia Rumma, Otto Zoo, Riccardo Crespi, Nicoletta Rusconi, Upp, Uxa e Luciano Inga Pin. Ha collaborato con i premi per l’arte: Moroso e Veuve Cliquot. Con la televisione per MTV e SKY. Attualmente scrive per le riviste d’arte contemporanea: Art Forum, Flash Art, Fruit of The forest.Recentemente è stato curatore della mostra La Materia - Premio Stonefly presso la Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia.
 Angela Vettese ha fondato e diretto dal 2001 il corso magistrale di Arti Visive della Università IUAV di Venezia. Insegna inoltre presso l'Università Bocconi di Milano. E' stata curatrice presso la Fondazione Antonio Ratti dal 1995 al 2004. Dal 2013 è Assessore alla Cultura e allo sviluppo del Turismo del Comune di Venezia. Dal 2002 al 2013 è stata presidente della Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia. Ha diretto la Galleria Civica di Modena (2005-2009).  Nel 2013 ha fatto parte della giuria del progetto della commissione europea The european Research Council (Erc) .Nel 2009 è stata presidente della Giuria della Biennale di Arti Visive di Venezia. Dal 2008 è membro del Comitato scientifico di Palazzo Grassi e Punta della Dogana, François Pinault Foundation, Venezia. Ha scritto saggi per cataloghi di numerose mostre in sedi italiane e internazionali. Ha scritto anche Artisti si diventa (Carocci, Roma 1998), A cosa serve l’arte contemporanea (Allemandi, Torino 2001), Ma questo è un quadro (Carocci, Roma 2005), Si fa con tutto. Il linguaggio dell'arte contemporanea (Laterza, Bari-Roma 2010), L'arte contemporanea (Il Mulino, Bologna 2012). Dal 1986 scrive per il Sole 24 Ore.
 A cura di Giada Pellicari ed Elisa Fantin (CAKE AWAY)
Atelier Fondazione Bevilacqua La Masa
Complesso SS. Cosma Damiano
Giudecca 620, Venezia


Qui di seguito il comunicato stampa:
Orient Express: Il Viaggio nello Sviluppo della Pratica Artistica
A cura di Giada Pellicari ed Elisa Fantin (CAKE AWAY)
5 dicembre 2013 – 31 gennaio 2014
Ore 18.30

Atelier Bevilacqua La Masa
Complesso SS. Cosma e Damiano, Giudecca, Venezia

Il progetto Orient Express: Il Viaggio nello Sviluppo della pratica artistica vuole proporre dei momenti di discussione sul tema del viaggio che viene analizzato come un elemento fondamentale nello sviluppo della pratica artistica contemporanea.
Scritto da Giada Pellicari e co-curato con Elisa Fantin, entrambe del collettivo CAKE AWAY, in residenza per il 2013 presso gli Atelier Bevilacqua La Masa, nasce dall’idea di voler aprire nuove linee teoriche e apportare visibilità ad un argomento che risulta essere ben presente nel sistema dell’arte contemporanea, ma che ancora tutt’oggi viene poco affrontato dalla ricerca accademica e dalla curatela artistica.  
La tematica del viaggio viene analizzata attraverso una serie di incontri nel complesso dei SS Cosma e Damiano in Giudecca, dove vengono invitati artisti ed esponenti del mondo dell’arte a presentare le loro esperienze all’interno di una discussione organizzata in forma di tavola rotonda.
Gli ospiti saranno: Silvio Lorusso e Claudia Rossini; Mario Ciaramitaro e Ryts Monet; Driant Zeneli; Elena Mazzi; Marco Tagliafierro e Angela Vettese.
Nell’epoca contemporanea, dove i mezzi tecnici hanno permesso un più agevole flusso di informazioni e conoscenza, il viaggio ha raggiunto delle connotazioni diverse, ovvero il più delle volte è nato con la finalità della produzione di un lavoro specifico molto spesso pensato in un determinato luogo.
Sono stati così individuati alcuni sottoinsiemi e canali di orientamento all’interno del tema, che vengono considerati come dei filoni ormai storicizzati e ampiamente presenti nella produzione artistica contemporanea quali, ad esempio: le piattaforme web e i digital media come viaggio online e produzione di contenuti, il workshop in oriente come sviluppo della pratica artistica, le geografie dell’arte, la new genre public art e il viaggio come racconto.
Il progetto ha come obiettivo principale quello di stimolare momenti di riflessione e di impostare alcuni quesiti da sviluppare con gli ospiti: 
• Che influenza ha il viaggio nella produzione artistica e nel processo critico? 
• Come si vengono a definire tutti questi piccoli luoghi dell’arte, che vanno ad ascriversi come ambienti tali grazie alla presenza dell’artista in quel preciso momento e in quello stesso territorio? 
• In che modo un luogo e la relativa comunità possono influenzare un artista e il suo lavoro? 

La Fondazione Bevilacqua La Masa diviene così allo stesso tempo un punto di incontro e di ricerca per lo sviluppo di questo argomento.



Partnership: Fondazione Bevilacqua La Masa, CAKE AWAY, Università IUAV di Venezia
Progetto Grafico di Alberto Casagrande

Posta un commento