VenetoWorld

domenica 2 ottobre 2011

I colori della street art entrano in galleria

Ciò che è avvolto nel mistero come la religione e quello che sfugge alle logiche terrene come l'universo del fantastico, ma anche la cosmologia e la magia sono le matrici dell'arte del duo Interesni Kakzi (Storie Interessanti). Gli artisti ucraini da domani inaugurano la mostra Object of the universe all'interno degli spazi della Avantgarden Gallery di Milano.


Un tratto fanciullesco e uno sguardo all'approccio segnico del famoso fumettista Jean Giraud, in arte Moebius, caratterizzano le loro storie colorate con tonalità calde o interrotte da soggetti monocromi, da coni d'ombra e da figure in bianco e nero in cui convivono soggetti inventati o anche solo evocati. Gli artisti Aleksei Bordusov (in arte Aec) e Vladimir Manzhos (Waone) si sono formati autonomamente nel tessuto urbano di Kiev, dove hanno avviato progetti di writing già alla fine degli anni 90 all'interno di un collettivo di artisti, per poi trovarsi e lavorare insieme a quattro mani. Dal 2009 il loro nome è uscito dall'Ucraina, dove avevano già realizzato circa 50 pitture murali, in occasione di un festival di graffiti in Spagna. Da lì il loro universo spesso capovolto, in cui i quadri possono essere anche rigirati e ruotati senza perdere significato, è conosciuto a livello internazionale. I due artisti adesso sono stati scelti dall'art advisor e gallerista Jeffrey Deitch per partecipare al progetto Wynwood walls, distretto di Miami dedicato alla street art, dove realizzeranno una parete. Pesanti matasse di oggetti da spingere su una vetta, scatole magiche da aprire, pietre come tesori e la natura che perde la sua collocazione per assumere significati nuovi sono tra i soggetti più frequenti delle loro bizzarre visioni.

Posta un commento