VenetoWorld

martedì 25 febbraio 2014

Le geometrie terrestri di Giulio Vesprini | Intervista di Alessandra Ioalé - seconda parte




Esce oggi la seconda parte dell'intervista a Giulio Vesprini. Per leggere la prima parte vai qui .

A: Per il progetto In|attesa, all’interno di Memorie Urbane, sei stato invitato a intervenire su una pensilina della fermata dell’autobus. In questa occasione hai realizzato invece qualcosa che apparentemente si distacca, sia per tema che per soluzione formale, dalla tua poetica. Me ne vuoi parlare?
G: Dunque con quell’opera ho finalmente sottolineato il mio approccio all’arte. Ho raggiunto questa consapevolezza dopo qualche esperienza non riuscita perfettamente. Il punto fondamentale, è che bisogna avere una lettura a 360° durante un intervento di arte urbana. Non bisogna forzare la mano e ostinarsi a lasciare tracce solo per dire ci sono stato anche io. I cerchi, le pietre o altre forme portate avanti fino ad oggi, lì avrebbero avuto pessima resa, con la presunzione e l’egoismo di chi non legge il territorio, lo spazio intorno. Dipingere sul vetro non è semplicissimo, per le mie opere, dove il rigore e la pulizia la fanno da padrone, non sarebbe stato un supporto giusto; per questo la scelta è caduta su un intervento da artista e non da urban artist. Un artista che in base alla situazione muta il suo intervento a favore dell’arte e non dell’io.
Così avevo in mente alcuni desk dei computer e videogiochi degli anni passati; ho scelto MS-DOS perché era il sistema operativo che faceva partire il pc, quella pensilina fa partire le persone, le fa fermare e soprattutto è uno start al progetto In|attesa. Il curatore ne è stato molto soddisfatto, e questa pensilina ha ricevuto focus molto importanti, non ultimi gli articoli dei giornali che hanno parlato della triste affissione di locandine sopra al pezzo da parte di fazioni politiche locali. Fortunatamente è stata restaurata e gode a tutt’oggi di un ampio consenso.


MS-DOS-IN ATTESA 2013


A: Infine hai curato, all'interno del Futura Festival a Civitanova Marche, These Walls For The Future, la sezione dedicata alla street art performance. Un progetto di arte pubblica, che ha coinvolto un bel gruppo di artisti. Mi parli del progetto? L'idea da cui nasce, il suo sviluppo e le collaborazioni.
G: Futura Festival è un evento importante per la città di Civitanova Marche. Abbraccia a tutto tondo le arti e le filosofie; l’edizione passata ha aperto le porte anche alla disciplina della street art. Sono stato contattato direttamente dal comune, e dopo una serie di accordi sono stato nominato responsabile del progetto These Walls For The Future. Ho accettato l’invito perché è la prima volta che un’amministrazione rende partecipi artisti locali, coinvolgendoli in un progetto molto grande.


Aris e Giuglio Vesprini, PIETRA LUNARE #6, 2013


Con Futura Festival poteva quindi andare avanti anche il mio progetto: Vedo A Colori. Quest’ idea che curo da cinque anni, cerca di recuperare tutti i muri del porto, sia commerciale che turistico. Ad oggi sono arrivati oltre quindi artisti, diciotto muri recuperati e altrettanti arriveranno, perché proprio in questi giorni ho saputo che Vedo A Colori ha vinto un bando con fondi europei per il recupero dei porti dell’Adriatico. Mi onora sapere che un mio progetto possa far vincere alla mia città dei finanziamenti europei e che con essi potrò concludere il duro lavoro dei cinque anni passati. Saranno tredici gli artisti coinvolti, per novecento metri quadrati di muro. Il fatto è che ad oggi ho già ricevuto decine di mail di ragazzi che verrebbero comunque a dipingere, anche senza rimborsi, questo mi rende davvero orgoglioso del buon lavoro fatto finora. Vorrei dedicare alla città la più grande area portuale colorata in Italia, questo grazie alla qualità degli artisti che invito e con cui condivido una bella amicizia. Farò un libro finale con tutta la storia di questi anni. Questa raccolta di foto sarà donata alle principali biblioteche italiane e data ad ogni singolo artista. Credo che sia stato un bel progetto di recupero urbano e di partecipazione cittadina, condiviso a larga maggioranza da tutti.


      
Cerchio G09, 2013


A: Progetti per questo 2014?
G: Riuscire ad organizzarmi per una bella personale, finire Vedo A Colori al porto e due interventi importanti a Roma di cui non svelo ancora niente….stay tuned!

     
     
Cerchio G10, 2013


A: Un consiglio d’autore.
G: Lavorare duro, anche nei momenti più bui, crearsi delle belle amicizie e collaborazioni artistiche, ti fanno crescere molto. Lasciare andare le chiacchiere che nell’arte sono come nella politica, becere…. Affidarsi a curatori seri e non a improvvisati, e studiare molto il passato, senza la presunzione di essere inventori di un qualcosa, ma fare sempre e comunque ricerca.

          
PIETRA LUNARE#8, 2013





Posta un commento